Mercato immobiliare: zone al top e prezzi d’acquisto in alcune città d’Italia

Buongiorno property manager e bentornati sulla nostra pagina!

Oggi parleremo degli investimenti per l’acquisto di immobili da destinare agli affitti brevi ed all’avviamento di attività commerciali, come B&B e case vacanza, in alcune delle maggiori città italiane, analizzando la tipologia e la posizione delle case in questione per individuare qual è il trend del momento.

Per farlo, utilizzeremo i dati riportati da uno studio effettuato da Tecnocasa, dai quali emerge uno scenario generale ben delineato: in molte di queste città gli acquisti immobiliari ad uso di investimento, trainati dal fenomeno degli affitti brevi, sono in grande espansione, soprattutto nelle zone centrali del tessuto urbano, poiché più turistiche. Questa situazione è favorita dai prezzi degli immobili che sono, talvolta, ancora accessibili.

Ma andiamo a vedere più da vicino qual è il quadro specifico di ognuna delle città prese in esame.

Milano

Nel capoluogo meneghino a farla da padrone sono gli immobili di piccole dimensioni, monolocali e, soprattutto, bilocali: quest’ultimi raccolgono il 45,1% delle richieste dimostrandosi fortemente attrattivi per gli investitori del settore turistico. Infatti, oltre un appartamento su quattro è acquistato a tale fine (27,4%). Le zone maggiormente richieste sono quelle più vicine ai navigli: Porta Genova, via Savona, via Tortona, via Solari e viale Coni Zugna. Un aumento degli investitori è stato, inoltre, riscontrato in zona Porta Romana e nelle vie attigue alla Stazione Centrale, in particolare via Gioia e via Ponte Seveso.

Torino

A Torino la tendenza è simile, con investitori che ricercano monolocali e bilocali da mettere a reddito nelle centralissime via Lagrange, via Roma, via della Rocca e Piazza Bodoni. Il capitale a disposizione per gli acquisti è mediamente compreso tra i 50.000 ed i 250.000 euro. Da qualche semestre, molti degli investitori intendono avviare attività di B&B e case vacanza.

Napoli

A Napoli l’acquisto di immobili da destinare a fini turistici ha fatto crescere i prezzi in alcune zone che si prestano perfettamente a tale uso, come quelle di Monteoliveto e San Felice, in particolar modo nei pressi di Piazza del Gesù e del Chiostro di Santa Chiara. La domanda è più eterogenea e vivace nelle zone di Via Toledo e dei Quartieri Spagnoli, con acquirenti alla ricerca di immobili da destinare ad uso personale come prima casa, a fini commerciali per avviare attività di B&B ed a scopo di affitto agli studenti. La maggior parte degli investitori è rappresentata da gente del posto che si indirizza sia su tagli piccoli che su soluzioni più spaziose.

Palermo

Nel capoluogo siciliano gli investimenti si concentrano nella zona del centro storico, parzialmente riqualificato e reso pedonabile (via Maqueda e parte di corso Vittorio Emanuele II), che ha visto un miglioramento dell’offerta commerciale, in particolare nel campo della ristorazione. Per questo motivo gli acquirenti degli immobili si indirizzano verso bilocali e trilocali da destinare ad affitti turistici, investendo una cifra che arriva al massimo a 100.000 euro.

Bologna

A Bologna la situazione più vivace si riscontra in Via Irnerio, probabilmente per la sua vicinanza sia alla Stazione Centrale che al centro storico, dove ad una domanda sempre crescente fa fronte un’offerta in diminuzione. Le tipologie di immobile richieste sono varie: si va da monolocali e bilocali per investitori che intendono avviare attività commerciali (B&B) a tagli più ampi per gli imprenditori che acquistano, frazionano, ristrutturano e rivendono.

Firenze

Nella culla del Rinascimento le zone maggiormente richieste sono Santa Maria Novella, per chi è alla ricerca di immobili da affittare a fini turistici, e San Frediano per gli investitori che vogliono dedicarsi alla creazione di B&B. Questi ultimi, spesso provenienti dalle aree più centrali, stanno espandendo i loro business anche in zona Panche.

Verona

A Verona, nel Centro storico, la richiesta principale è indirizzata ad immobili medio piccoli (bilocali e trilocali) da destinare ad affitti turistici. Anche la zona Borgo Venezia è sempre più interessata da tale fenomeno. Gli investitori che intendono avviare delle attività di B&B e case vacanza, invece, concentrano la loro ricerca nel quartiere di Veronetta, operando con un budget che si attesta mediamente tra i 120.000 ed 200.000 euro.

Anche per oggi è tutto, cari property manager. Sperando di avervi dato degli spunti utili per eventuali investimenti nel nostro settore, vi diamo appuntamento a sabato con l’evento in Abruzzo dal vivo e sui nostri social…rimanete sempre aggiornati!

Property Managers: tempo fino al 10 dicembre per le ritenute 2019

Sergio Lombardi – Esperto Fiscale Associazione Property Managers Si avvicina il termine di presentazione del…

Leggi altro

LEGGE DI BILANCIO DA 38 MILIARDI: AFFITTI BREVI, SOPRA LE 4 CASE SI DIVENTA IMPRESA

Da quanto emerso dai più autorevoli organi di informazione, la Legge di Bilancio per il…

Leggi altro