Turismo e futuro gli italiani riscopriranno il Bel Paese

Turismo e futuro: gli italiani riscopriranno il Bel Paese?

Turismo e futuro: gli italiani riscopriranno il Bel Paese?

È evidente che il blocco internazionale delle rispettive frontiere, ha un effetto negativamente impattante sul settore. La prospettiva al momento non è certamente delle migliori, metà stagione forse del tutto saltata, con molte incertezze per la seconda metà dell’anno.

Il turismo straniero è da dimenticare per un bel po’ di tempo, vista la chiusura di ogni paese e la poca volontà ad aprire almeno a breve. Tuttavia, ci sono alcune possibilità comunque per recuperare quanto andrà perduto. Ovviamente stiamo parlando di mercato interno, ovvero stimolare la domanda interna con iniziative e valorizzazioni territoriali.

Un ritorno al passato

La maggior parte delle compagnie aeree hanno chiuso i battenti già da alcune settimane, e stando alla disponibilità di prenotazione riaprono ai voli ai primi di maggio. Questo dato è significativo ma non vuol dire che, semmai riaprono i voli nei cieli europei, ci siano risorse e liquidità nelle famiglie tali da programmare una vacanza.

Sostanzialmente si tratta di una speranza. Quello che invece è certo è un possibile incremento dei viaggiatori italiani che visitano l’Italia. Questo per due ragioni ovvie, le limitazioni per andare all’estero e una minore disponibilità economica. Di fatto, non verranno stranieri ma tramite la domanda interna si può creare un buon volume di presenze.

Le stime (provvisorie)

Si è calcolato ottimisticamente un calo del PIL intorno al 10% nella prima parte dell’anno, che potrebbe essere recuperato in parte nel secondo semestre, facendolo poi regredire al 6%. In ogni caso una bella botta che lascia il segno!

Per il settore turistico, e in modo particolare dell’immobiliare, questo potrebbe avere uno incremento nei prossimi mesi grazie appunto alla domanda interna. Di sicuro gli italiani che generalmente vanno in vacanza, non rinunceranno quest’anno. Invece della Grecia sceglieranno la Sardegna, oppure invece di Parigi, Firenze.

Il vantaggio dell’Italia è proprio questo, essendo un paese ricco e forse il più ricco al mondo, può tranquillamente stimolare il turismo interno, non manca nulla, dal mare alla montagna passando per le città d’arte, fino al turismo enogastronomico.

Sicuramente non sarà rose e fiori, ma decisamente abbiamo le carte giuste per farcela sicuramente, chiaramente dobbiamo saper giocare queste “carte”!

Strutture ricettive e locazioni brevi, cosa fare

Strutture ricettive e locazioni brevi, cosa fare

Nel documento del 25 maggio della conferenza delle regioni e delle province autonome sono riportate…

Leggi altro
Stimolo di rilancio turistico con la #Vacanzaprotetta

Stimolo di rilancio turistico con la #Vacanzaprotetta

In queste ultime settimane c’è stato un gran fermento e voglia di riavviare i motori…

Leggi altro